In arrivo le guardie ambientali


Dieci volontari hanno già iniziato il corso di formazione: Tonia Romano nominata comandante provinciale

Tonia Romano mentre riceve la divisa del comandante della sezione operativa di San Giorgio a Cremano

Tonia Romano mentre riceve la divisa del corpo

Dopo il bando di selezione, con scadenza il 30 settembre, emanato dal Comune per ricercare un’associazione ambientalista al fine di formare guardie ambientali, abbiamo il nome del vincitore. Si tratta di Fareambiente, un movimento ambientalista europeo no-profit presieduta dal prof. Vincenzo Pepe. L’associazione che si propone di diffondere una cultura in tematiche ambientali, conta più di 700 guardie in tutta Italia.

Il 15 ottobre è iniziato il corso di formazione per le future guardie ambientali di Atripalda, inaugurato dal saluto ufficiale del sindaco Paolo Spagnuolo e del comandante della Polizia municipale, Domenico Giannetta.

Il comandante provinciale delle guardie ambientali, Tonia Romano, ci ha spiegato che sono dieci le persone impegnate nella formazione: “I volontari si recano presso l’ex sala consiliare della biblioteca per il corso. Si tratta di 90 ore di addestramento pratico e teorico in materia ambientale e giuridica per formare i partecipanti che diventeranno guardie ecozoofile. Alla fine del corso ci sarà un esame orale e i partecipanti prenderanno una qualifica di polizia municipale grazie a un decreto comunale del Sindaco. Successivamente, saliranno di grado e acquisiranno un decreto prefettizio che gli consentirà di verbalizzare, eseguire controlli o sequestri”.

Le guardie ambientali, infatti, hanno competenza di polizia giudiziaria per cui sono un pubblico ufficiale riconosciuto dalla legge. Il loro compito sarà quello di controllare il territorio e, di conseguenza, vigilare sulla condotta cittadina in ambito di raccolta differenziata, abbandono dei rifiuti, scarichi delle acque, deiezioni canine. Riguardo l’identità delle future guardie ambientali, attualmente impegnate nel corso di formazione, Tonia Romano non si è sbilanciata, tenendo a precisare, però, che si tratterà di volontari: “Sono dieci persone prevalentemente di Atripalda che avevano già competenze nel settore ambientale. Non percepiranno alcuno stipendio, infatti credo che bisogni avere anche un pizzico di follia per intraprendere questo percorso visto che è rischioso. L’Associazione, invece, percepirà un rimborso spese da parte del Comune che servirà, ad esempio, a coprire le spese di cancelleria per i corsi nelle scuole o il gasolio nell’automobile”. Infatti, l’associazione vuole promuovere una campagna di sensibilizzazione tra i cittadini e le scuole per far conoscere il ruolo delle guardie ambientali e le eventuali sanzioni in caso di comportamenti non conformi alla legge. “Il corso dovrebbe terminare intorno alla terza settimana di novembre, al termine del quale con una conferenza stampa presenteremo le guardie ambientali di Atripalda” conclude Tonia Romano.



4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luisiano
Luisiano
1 mese fa

Le Guardie Ambientali devo andare in due in giro,e devo avere una retribuzione adeguata,al loro impegno di lavoro,per le ore che accumulano durante l’anno.

Elettra
Elettra
4 anni fa

Le guardie che vanno in giro con l’auto a gasolio è molto coerente con le finalità ambientaliste. Complimenti alla comandante per la nomina e congratulazioni al sindaco per lo zelo che ripone nell’apprezzare simili competenze!

Antonia
Antonia
4 anni fa
Reply to  Elettra

Per quanto un singolo individuo, guardia o meno, voglia vivere nel rispetto dell’ambiente, ci sono barriere architettoniche anche in questi termini. Si fa quel che si può. Quando potremo comprare un’auto ecosostenibile sarà la nostra prima priorità. Al momento abbiamo problemi più imminenti da risolvere. Grazie per l’augurio.

Peppo
Peppo
4 anni fa

ecco una cosa di cui si sentiva la mancanza: le guardie ambientali!