Riscaldare la chiesa di S. Ippolisto costa troppo, don Fabio sposta le messe serali a S. Maria


Le bollette arrivano fino a mille euro al mese e il parroco cerca di risparmiare: da lunedì le celebrazioni eucaristiche delle 18:30 nel complesso annesso al Comune

(foto di Antonio Cucciniello)

A partire da lunedì quattro novembre i frequentatori della chiesa di Sant’Ippolisto assisteranno ad una novità. Don Fabio Mauriello, infatti, ha fatto sapere che dal lunedì al venerdì la Messa serale non sarà più celebrata nella chiesa madre, ma a Santa Maria delle Grazie, sita in Piazza Municipio.

Don Fabio spiega le motivazioni di questa scelta: «Si tratta di un discorso ecologico più che economico. La nostra chiesa parrocchiale è dotata di un grosso impianto di riscaldamento ad irraggiamento che nei giorni infrasettimanali viene sfruttato per pochi fedeli e non posso di certo dire alle persone di sedersi in un posto piuttosto che in un altro. Sono costretto ad accenderlo tutto per riscaldare la chiesa e questo è uno spreco enorme. Avrei potuto scegliere la chiesa, ancora più piccola di Sant’Anna, ma non è adatta per i funerali che anche voglio spostare dall’altra parte. Inoltre la chiesetta del convento viene usata anche per la celebrazione della mattina, io invece vorrei sfruttare un po’ anche Santa Maria della Grazie che viene aperta solo in occasione di Santa Lucia di modo da valorizzare anche quell’importante edificio religioso di Atripalda. Il sabato e la domenica nonché per la celebrazione dei battesimi ho deciso di continuare ad utilizzare la chiesa madre perché si tratta di Messe più affollate».

I costi: «Per quanto riguarda le spese, si tratta di costi piuttosto elevati – spiega il parroco – , soprattutto d’inverno quando si è costretti ad accendere il riscaldamento. Il sistema di cui dispone la chiesa, infatti, è molto dispendioso. Non sono in grado di fare una stima approssimativa di quanto spendo in un anno, ma ti invito a prendere come esempio il mese di febbraio di quest’anno che è stato il più freddo: è arrivata una bolletta di mille euro solo di riscaldamento».

Sara Luciano



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code