Quarantacinque “fuori… classe” della “Masi” in viaggio d’istruzione fra i… sassi di Matera


Gli studenti che si sono maggiormente distinti nelle varie competizioni a cui la media ha partecipato sono stati premiati con una gita nella capitale europea della cultura 2019

Dopodomani, giovedì 23 maggio, quarantacinque alunni della scuola media “Masi” saranno i protagonisti del progettoFuoriclasse… tra i sassi”, una gita d’istruzione a Matera, proclamata capitale europea della cultura 2019, accompagnati da alcuni docenti fra i quali il prof. Monda e la prof.ssa Capaldo e dagli assessori comunali Urciuoli e Nazzaro.

L’iniziativa – favorita da un’ottima collaborazione tra la scuola, il Comune ed il Consorzio irpino degli studi (che ha finanziato il progetto con un contributo di 1.300 euro) – consiste in una sorta di campus universitario per gli alunni coinvolti, i quali potranno ammirare le bellezze di un luogo “che vuole insegnare cosa sia veramente la conoscenza, lo studio, l’approfondimento delle proprie identità, valori che rendono libero l’animo di ognuno di noi” (così come indicato dal progetto).

La selezione degli alunni – e lo spiegherà meglio più avanti l’assessore Nazzaro – è avvenuta prendendo in considerazione i risultati ottenuti dagli studenti nelle varie prove sostenute durante l’anno scolastico, come i “Giochi matematici” promossi dalla Bocconi oppure le “Olimpiadi di Problem Solving”.

Per farci illustrare meglio i dettagli di “Fuoriclasse… tra i sassi” abbiamo parlato con l’assessore con delega alla Cultura, Stefania Urciuoli: «L’iniziativa rappresenterà per i ragazzi un momento altamente formativo. Il confronto con altre realtà, del resto, è diventato imprescindibile per la maturità degli studenti. Avremmo voluto coinvolgere tutti gli alunni, ma il budget a disposizione non ci ha permesso di adottare altre decisioni». Non casuale la scelta di Matera, capitale europea della cultura e madre di un forte intreccio tra svariate correnti artistiche: «Siamo felici di visitare una magnifica città che, con il suo immenso patrimonio storico e culturale, ci permetterà di riempire i nostri occhi di bellezza. Basti pensare alla meraviglia del Sasso Caveoso, la parte più antica dei Sassi rimasta ancora intatta. Oppure alla cripta rupestre, che al suo interno contiene degli affreschi suggestivi. Credo che per i giovani sia necessario vedere con i propri occhi l’evoluzione dell’arte». I ragazzi visiteranno anche il centro storico e la cattedrale della Madonna della Bruna e di Sant’Eustachio e godranno a pieno di questa esperienza grazie ad una “presenza speciale”: «Per fornire agli studenti un adeguato supporto abbiamo deciso di affidarci ad una guida esperta che, quindi, ci permetterà di scorgere anche i dettagli più nascosti». Allargando il discorso, abbiamo chiesto all’assessore Urciuoli se il “modello Matera”, con le dovute eccezioni, potrebbe essere importato ad Atripalda: «La nostra città ha un patrimonio sicuramente importante che, con una maggiore valorizzazione, rappresenterebbe una risorsa fondamentale per il presente e, ovviamente, per il futuro. In questa direzione stiamo sempre attenti per intercettare eventuali canali di finanziamento».

Il vicesindaco Anna Nazzaro, delegato alla Pubblica Istruzione, invece, ci ha spiegato come il progetto si inserisca nel percorso di studio degli allievi: «Abbiamo deciso di promuovere l’iniziativa in coerenza con le più recenti tendenze del Miur. Siamo convinti che per i ragazzi sarà un’esperienza importante, in armonia con i percorsi di studio e di approfondimento promossi dalla scuola media “R. Masi”». Il progetto vuole valorizzare l’impegno dei giovani talenti della scuola: «Il criterio di selezione dei ragazzi non è stato soggettivo, ovvero non è dipeso dalle valutazioni o scelte fatte dai docenti interni alla scuola media Masi, bensì da valutazioni oggettive di organismi esterni relativamente ai concorsi a cui la scuola ha aderito e a cui i ragazzi hanno offerto il loro valido contributo. “Fuoriclasse… tra i sassi” così si è posto l’obiettivo di valorizzare le giovani menti attraverso un riconoscimento del loro impegno che li porterà a vivere un’innovativa esperienza nella magnifica Matera». La Nazzaro, infine, esprime la propria soddisfazione per i traguardi raggiunti quest’anno dall’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”: «Al successo conseguito nel concorso “Total life” si sono affiancate altre vittorie. Circa le competizioni, risultano prestigiose le “Olimpiadi di Matematica” che quest’anno hanno restituito un dato altamente gratificante. La scuola media “Masi”, infatti, ha guadagnato il 1° e 2° posto a livello regionale su 113 squadre e 10° posto assoluto a livello nazionale. Inoltre, un corto realizzato da alcuni alunni, lo scorso 22 marzo, è stato presentato al teatro “Massimo” di Torino nell’ambito di “Sottodiciotto film festival’’, classificandosi tra i primi cinque in Italia».



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code