L’ex assessore Landi: «Messi alla porta dal Partito democratico»


Nota con cui il consigliere di minoranza sancisce le distanze dal Pd: Le persone libere da condizionamenti non sono gradite

All’indomani della campagna elettorale e del risultato politico, è doveroso per me condividere un’analisi che conferma una evidente e dolorosa frattura all’interno del circolo cittadino del Partito Democratico di Atripalda in scia alla situazione provinciale e nazionale.

Una forte divisione politica che ad Atripalda, da ultimo, ha determinato lo schieramento di iscritti appartenenti al circolo territoriale del Partito Democratico in due liste civiche che si sono contrapposte alle ultime elezioni comunali ed il cui esito ha drammaticamente determinato una situazione paradossale: iscritti al circolo cittadino schierati sia tra i banchi della opposizione che della maggioranza eletta insieme a rappresentanti di altre forze politiche.

Certamente, in molti abbiamo sperato e ci siamo adoperati affinché non si realizzasse questo disastroso epilogo che, purtroppo, ha reso visibile a tutti una espressione politica del Partito Democratico locale e provinciale incapace di condividere e realizzare degli obiettivi comuni oltre che di non deludere le speranze dei tanti cittadini atripaldesi che sono vicini al partito.

Si è resa evidente anche, e principalmente, una incapacità politica dei vertici del partito i quali non sono riusciti a scavalcare i muri costruiti all’interno della componente democratica locale ma, soprattutto, a liberare i democratici dall’odio nutrito sia nei confronti di alcuni dei propri compagni di partito che dell’ex Sindaco Paolo Spagnuolo.

Credo, fermamente, che per fare “buona politica” non occorra essere dei militanti di partito o persone appartenenti all’alta borghesia; tuttavia, ho maturato nella mia breve e vissuta esperienza politica che conta la sincerità, l’onestà e l’impegno morale delle donne e degli uomini capaci, ogni giorno, di confrontarsi senza timore del giudizio altrui ma coscienti del loro essere per bene e disponibili.

Il nostro futuro non ce lo regala nessuno. Dobbiamo pretenderlo e lottare per esso proprio attraverso la buona politica che non lascia scampo ad un sistema desueto e vecchio fondato sul privilegio, l’ingiustizia e l’interesse personale.

In occasione della campagna di tesseramento 2016 del Partito Democratico, insieme ad un gruppo di amici e simpatizzanti del PD, ho espresso la mia volontà di voler far parte del circolo cittadino, seppur in un momento sicuramente drammatico per quest’ultimo, all’unico scopo offrire il mio contributo rispetto ad una realtà locale già frammentata; tuttavia, mi ha animato il desiderio di portare la mia semplice esperienza politica per ragionare insieme a chi, come me, voleva cercare di realizzare obiettivi comuni per l’interesse della collettività tenendo forte in mente la realizzazione di una comunità più soddisfatta e che potesse rivedersi e ritrovarsi in un partito certamente promotore di ideali condivisibili.

Mi sono sbagliato! Le mie aspettative, e quelle di molti altri, sono state completamente deluse quando si è realizzato un atteggiamento di ingiustificato ostracismo nei confronti dell’allora primo cittadino Paolo Spagnuolo e di tutti coloro, me compreso, amici e simpatizzanti, che avevano creduto profondamente in un progetto di sviluppo comune per Atripalda.

Siamo stati accusati di essere spogli della militanza politica e messi letteralmente alla porta da coloro che si definiscono “i democratici” e che avevano la fondamentale responsabilità di essere la guida di Atripalda grazie al valore di un grande partito la cui espressione locale ha, però, realizzato una politica intesa solo come un ascensore capace di risollevare le proprie sorti, permettendo loro di vivere di rendita.

La mia scelta di aderire al circolo territoriale PD è stata stimolata dall’azione rivoluzionaria renziana che, al netto degli errori del passato di un PD altrettanto sofferente su scala nazionale, sta provando a realizzare il necessario rinnovamento della classe dirigente del partito che ha, invece, dimostrato di non essere capace di evitare l’impatto contro un sistema nuovo; difatti, i dirigenti locali ed i vertici provinciali proclamatisi “convintamente” renziani, per opportunità politica, hanno invece utilizzato metodi di matrice comunista ed antidemocratica sia in occasione del tesseramento che nella gestione delle vicende locali.

La dura chiusura subìta dal circolo cittadino del PD ha rappresentato la inequivocabile spiegazione di una logica dei vertici di questo partito secondo la quale non sono gradite le persone libere da condizionamenti perché rappresentano potenziali loro concorrenti all’interno di una realtà politica cittadina che ha bisogno necessariamente di un partito presente con impegno, capace di sostenere processi decisionali inclusivi anziché esclusivi.

Io, il mio impegno politico e morale lo vivo in modo completamente opposto; per me la politica deve essere un mezzo capace di realizzare la libertà dei cittadini svantaggiati e non privilegiati realizzando per loro una immaginaria casa dove tutti possono esprimere le loro idee e, soprattutto, le loro difficoltà in una realtà come quella che sta vivendo oggi la città di Atripalda.

Pur se deluso ed amareggiato, sono costretto ad accettare le distanze prese da questo partito nei miei confronti ma continuerò, insieme ai miei compagni di viaggio, ad ascoltare e farmi portavoce dei cittadini atripaldesi in seno al gruppo Noi Atripalda con la stima e l’amicizia di sempre nei confronti degli altri consiglieri con i quali daremo prova di una opposizione costruttiva nell’interesse del paese.

Non possiamo aspettare che arrivi l’ennesimo “uomo della provvidenza” a risollevarci da tutti i mali ma dobbiamo impegnarci, noi tutti insieme, ad investire con impegno politico ed onesto mirando alla rinascita di quei valori come la libertà, la centralità del cittadino e lo sviluppo del nostro territorio.

Dott. Domenico Landi

Consigliere Comunale gruppo Noi Atripalda



6 commenti

  1. paola bernasconi

    Spagnuolo I° di Atripalda fu nominato candidato sindaco di Atripalda dopo l’intervento del Padrino di Nusco e fu eletto con tutta la sua corte.
    Spagnuolo II° di Atripalda fu designato candidato sindaco di Atripalda dopo l’intervento dello stesso Padrino di Nusco ed è stato eletto con tutta la sua corte nonostante un forte conflitto di interessi ma Interessi con la “I” maiuscola nella famiglia […].
    In questo paese si rischia la stessa immobilità della Locride e questo signore si preoccupa di essere stato buttato fuori dal PD. PERCHE NON BUTTANO FUORI DE MITA QUANDO ACCOSTA DALLE PARTI DEL SABATO?
    GRAZIE!!!!!!!!

  2. Giacomo

    Il Partito Democratico vi ha messo alla porta?! A me risulta che il Partito Democratico vi ha accolti col tappeto rosso, avendo consentito a voi di iscrivervi on-line l’ultimo istante dell’ultimo giorno utile prima di questa campagna elettorale. Ci dica perchè non si è iscritto prima o, quantomeno, ci dica perchè tutto questo fervore renziano non lo ha esternato un anno fa, quando avrebbe avuto tutto il tempo per convincerci che la sua non era una scelta dettata da opportunismi elettoralistici ma ma da convinzioni ideologiche. Lei è del PD? Non le sembra un po troppo presto per pretendere che la gente ci creda? O pensa che qui ad Atripalda abbiamo l’anello al naso? Lei ha la stessa faccia tosta di chi cerca di convincerci che quella P di Parcheggio posizionata sull’area verde delle case popolari di via Appia sia capitata lì per caso. Non ricordo da quale posto proviene, ma se è vero che ormai si ritiene atripaldese abbia più rispetto di questa gente, senza raccontare frottole. La campagna elettorale è finita e lei ha perso. Se ne faccia una ragione e non offenda i moltissimi elettori del PD che hanno creduto in lei e … che l’hanno votata. Ne riparliamo tra un anno, quando potrà esibire almeno un minimo di militanza e … di coerenza.

  3. Carlo Grande

    Beh che dire leggendo questi post anonimi mi viene da piangere e come Carmine,Giuseppe,Franco hanno attaccato l’ex Assessore Landi ( Giustamente ) io posso dire che nella cozzaglia non si e’ Mai e dico Mai Visto vedere Concorrere INSIEME PD-FI-Socialisti- Comunisti- Rispetto per il Verde … Manca Lega – Movimento 5 Stelle Nella Lista Vincente , poi ci sono Tutti i Partiti per Vincere di Soli 100 ( Cento Voti ) ??? due e piu’ personaggi che hanno sbarcato Lidi diversi , come scrive Carmine !!! Hanno Retto alla Corazzata Kotiomkin … Una Magra Figura x non dire Altro !!!Vi chiederete ma Costui chi e’ ??? Beh sono un semplice Cittadino che ha Perso l’Elezioni ” Giustamente ” Ma almeno in Cuor suo Crede di Aver Votato una Persona Seria ed Onesta !!! Landi ti Aspettiamo con Piacere in Un Partito dove la Tua Trasparenza e la Tua Onesta La fa da Padrone , a Presto Un Vs Affezionato Lettore del ” IL SABATO ”

    PS Carissimo Direttore ” Il Sabato ” Come in precedenza non fate Sconti a Nessuno fate si che la VS Informazione sia Onesta e Sincera fin da quando il VS Giornale ha preso Vita …

  4. Giuseppe

    non si può saltellare, armi e bagagli, da un partito all’altro. E’ inutile scrivere lettere o lanciare accuse, bisogna invece fare autocritica. E’ pensabile che un mese prima delle elezioni comunali, un sindaco senza partito insieme ai suoi fedelissimi, chiedono la tessera di un partito in cui fino al quel momento non hanno mai messo piede?
    Questa, caro Landi, si chiama coerenza.

  5. .carmine

    Pronti allo sbarco verso nuovi lidi, Landi ha cambiato più o meno lo stesso numero di partiti di Paolo Spagnuolo, partendo dai socialisti, passando per la DC di Rotondi, pdl ora Pd e prossimamente su questi schermi…?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code