La raccolta differenziata precipita sempre di più


I dati sulla spesa per lo smaltimento della frazione mista relativi al primo trimestre dell’anno sono i peggiori da quando è stato introdotto il sistema “porta a porta”

Nel primo trimestre del 2018 la spesa per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati ha subìto una forte e preoccupante impennata. Nei primi tre mesi dell’anno, infatti, la somma delle fatture liquidate a Irpiniambiente per lo smaltimento della frazione mista ammonta a € 90.392,81, con un aumento di circa il 18% rispetto alla spesa sostenuta lo scorso anno nello stesso periodo (€ 76.505,86). Si tratta del peggior dato riferito al sistema “porta a porta” visto che per rintracciare una spesa superiore a quella di quest’anno, relativa al primo trimestre, bisogna risalire al 2013 (€ 104.332,49) quando, però, il sistema di raccolta spinta non era ancora partito.

A quell’epoca, infatti, la differenziata si attestava intorno al 30%, costringendo il prefetto a nominare un commissario ad acta (nella persona dell’allora segretario generale Clara Curto) che nell’aprile 2013 avviò il “porta a porta” facendo schizzare nel giro di tre mesi la differenziata al 78% (fine giugno 2013), per poi assestarsi grosso modo intorno al 70% nei due anni successivi. E in quel periodo, per esempio, la spesa a costi invariati per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati relativa al primo trimestre ammontava a € 57.343,23 (gennaio-marzo 2014) ed a € 65.324,82 (gennaio-marzo 2015) cioè un terzo in meno di quella attuale.

Di questo passo, senza considerare, tra l’altro, che statisticamente il primo trimestre dell’anno è quello in cui si registra la minore produzione di rifiuti, la percentuale della differenziata a fine anno calerà almeno di altri 3 punti, scendendo abbondantemente sotto il 60%, un dato sempre più lontano sia dai livelli degli anni scorsi che dagli obiettivi minimi.

Il calo della differenziata non sfuggirà certamente ai nostri amministratori che, fra l’altro, hanno la possibilità di verificare le quantità di rifiuti indifferenziati indicate nelle fatture mensili nonché di visionare mensilmente i report di Irpiniambiente sull’andamento della raccolta relativo alle varie frazioni (lo scorso anno si registrò una diminuzione del conferimento di carta e imballaggi), utili a calibrare una efficace strategia di informazione e sensibilizzazione e, perché no, anche ad intensificare i controlli sulla regolarità dei conferimenti. Sarebbe però il caso di non aspettare ancora.



0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments