Dopo dieci anni partono i lavori dell’insediamento produttivo in via Appia


I proprietari, che acquistarono nel 2008 il suolo dal Comune per oltre 700mila euro, hanno avviato la costruzione di un fabbricato destinato ad ospitare box artigianali ed attività di terziario

Sono iniziati i lavori di sbancamento

Dopo ben dieci anni qualcosa sta per cambiare per la cosiddetta “Area Pip” (Piano per insediamenti produttivi, come box artigiani e attività di terziario).  La Giunta comunale – con delibera 119 del 14 ottobre – ha approvato il riassetto planimetrico per il futuro insediamento di via Appia situato nella zona interna di 8.125 mq. compresa tra i binari ferroviari e lo svincolo dell’Av-Sa. 

Il lotto si estende su una superficie di 8.125 mq.

Il Piano è uno degli strumenti attuativi del Piano regolatore generale approvato dalla Provincia di Avellino (2002), e autorizzato a sua volta dal Comune nel novembre del 2010, con una validità di dieci anni. La società “La Cattolica Immobiliare” di Stefano Barisano, proprietaria dei terreni, – acquistati nel 2008 dal Comune per la cifra di 708.500 euro – ha presentato lo scorso agosto una nuova proposta progettuale per la costruzione di un fabbricato avanzata nel 2016 che – si legge – “rielabora integralmente” il progetto, sulla base del provvedimento di nulla osta rilasciato da Rfi (Rete ferroviaria italiana) che concede l’edificazione ad una distanza minima di 20 metri dai binari della linea Avellino-Mercato S. Severino. I lavori non altereranno il computo delle aree previste ad uso pubblico (696 mq.) e quelle destinate a parcheggi interni ai lotti (1.350 mq. totali).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code